(Dis)informazione locale

Paderno_7.0_Logo Grafica nuova, stile vecchio per il blog Paderno 7 on air di cui questo blog aveva già parlato.

Ma andiamo per ordine, la notizia è questa.

Villa Dugnani a seguito dell’impiego di fondi ministeriali per restaurare il suo parco storico ora apre ogni prima domenica del mese il suo parco.

Il diritto di visitarlo, ottenuto dal ministero dei beni culturali, è però rimasto lettera morta perché non lo sapeva nessuno (che io sappia nemmeno nella giunta locale).

Dopo che ho scoperto la cosa da un minuscolo cartello appeso fuori dalla villa e l’ho segnalata ai blog locali il Circolo Restare Umani ha organizzato una visita guidata alla Villa facendo finalmente conoscere la cosa alla città.

Il post di Paderno 7 parla invece di una generica apertura della Villa, evitando accuratamente di citare il ruolo del Circolo di cui aveva pubblicato l’evento tempo prima, nella circolare dove era esclusa la videonciclopedia.

Di noi ovviamente nessun cenno.

Facendo notare questa omissione ho questa risposta dalla redattrice anche in seguito alle lamentele di un altro lettore

“Villa Dugnani, come avrai letto, è un giardino privato aperto al pubblico ed è visitabile indipendentemente dal Circolo “Restiamo Umani”, di cui abbiamo pubblicizzato la visita qualche articolo fa, modificando anche in tempo utile la data perché ci era stato appunto comunicato che la visita era stata spostata.
I cittadini sono informati dell’apertura della Villa negli orari indicati tramite un cartello posto nelle vicinanze dei cancelli della Villa, in via Grandi”

Cioè nel 2013 si pensa che mettere un cartello all’incirca 5 cm per 10 sia informare la città.

Ho risposto “I cittadini non sono stati informati di un tubo: quel cartello è microscopico e l’ho segnalato io ai blog e ai media locali (e pure alla giunta dato che Tagliabue e Bogani non mi hanno detto di sapere già della apertura quando li ho invitati per il 12), come tu sai bene avendo scritto a ME in privato per avere notizie per fare un articolo dopo che avevo segnalato la cosa col risultato di non essere citato nè io ne il mio blog nei tuoi post.”

E la redattrice sarà costretta ad ammettere che si era rivolta a me perché sono io che ho segnalato la cosa in città.

E poi il Direttore del blog

“mi spiace ma fatti un blog tuo e pubblicizzati.”

E questo cos’è, un calesse? E avevo pure scritto di avere un blog…sarebbe bastato leggere quello che scrivevo.

Ma continua rispondendo a un altro commento.

“Mi confermi, quindi, che l’apertura è imputabile al ministero e non certo da codesti signori che straparlano e ci accusano di “esserci appropriati” di un’iniziativa che noi volevamo solo promuovere, per far conoscere ai padernesi una splendida occasione come questa. Mi rendo conto che, invece, lo scopo di Rubagotti era quello di farsi pubblicità e sollevare inutili polemiche. Bene, sappia che non perderemo più tempo a rispondergli e, figuriamoci, a dargli visibilità su cose su cui lui non c’entra nulla.”

Quindi da persona che ha reso noto un diritto di tutti ora non c’entro nulla e voglio solo farmi pubblicità.

Evidentemente non basta la grafica nuova per fare informazione corretta.

Annunci

Informazioni su Gianni Rubagotti

Videoenciclopedia dell'architettura, dell'urbanistica e del territorio di Paderno Dugnano e del milanese
Questa voce è stata pubblicata in Comunicazionidiservizio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...